A due passi dal capoluogo, quando si è stanchi del mare, si può fare una splendida escursione nello Stagno di Cagliari, chiamato anche Laguna di Santa Gilla.
Il punto che consiglio, per visitare questo stagno risiede nel quartiere di Giliacquas, nel Comune di Elmas, lì c’è uno scivolo che permette agevolmente l’entrata in acqua con carrellino e kayak, infatti c’è anche un ampio piazzale dove è possibile lasciare la macchina.
Lo stagno, visitato con le condizioni giuste regala emozioni uniche, è un grandissimo bacino da esplorare nella sua maestosa ampiezza, ci sono vari canali sulla destra di Giliacquas dove è possibile addentrarsi, si dice che in quella zona ci fosse un insediamento mediavale chiamato Mogoru de Liurus, dove i monaci Vittorini possedevano dei beni e che la zona veniva usata come scalo per il commercio e per le piccole imbarcazioni. Percorrendo questi canali è facile fare incontri particolari per chi è appassionato di animali e birdwatching, infatti la mia escursione è stata molto interessante, poiché è stata la prima volta in cui ho avuto modo di incontrare e conoscere le nutrie.

  La nutria essendo un roditore, viene spesso associata ai topi, ma in realtà è molto più simile ad un castoro, la caratteristica di questi animali che salta subito all’occhio, sono i denti arancioni che danno loro un’immagine davvero buffa, timide ma non troppo è possibile avvicinarle anche a pochi metri di distanza. Oltre alle nutrie, data la vegetazione che si costituisce in varie specie di
erbacee e arbusti, questa diventa l’habitat ideale per un’enorme quantità di avifauna, si possono trovare numerose specie di uccelli come aironi, anatre, folaghe, garzette e anche i meravigliosi fenicotteri rosa.
Penso che il kayak per queste escursioni, sia il mezzo ideale, perché ti permette di navigare, fermarti e osservare la natura in luoghi difficili da raggiungere, senza disturbarla.
Se poi volete godervi un po’ di pace, aspettate il tramonto a Giliacquas…

VIAGGIO PARALLELO